Nuovo corso FAD da 8 ECM gratuito per tutte le professioni

Nuovo corso FAD da 8 ECM gratuito per tutte le professioni

35454
0
SHARE

Corso ECM FAD ” Le infezioni urinarie”

Razionale del Corso
Le infezioni urinarie rappresentano un argomento di grande attualità ed interesse che coinvolge svariate branche della medicina, rappresentando, insieme alle infezioni respiratorie, la più comune causa di richieste di visita medica generale o specialistica.
In Italia si è evidenziato nel quinquennio 2006-2010 un’incidenza media di 10 pazienti al mese con infezioni urinarie per ogni medico di medicina generale, di cui il 75% donne, affette da infezioni non complicate del basso tratto urinario.
Si tratta di situazioni molto comuni anche nella pratica ginecologica, interessando sia l’adolescenza sia la post menopausa a causa di fattori anatomici, funzionali ed ormonali che rendono la donna maggiormente suscettibile a queste infezioni.
Lo scopo del corso è fornire una panoramica sulla fisiopatologia e sulla presentazione clinica delle infezioni urinarie, complicate e non complicate. Inoltre si pone attenzione su come impostare correttamente la terapia antibiotica, diversificandola a seconda della situazione clinica.
Si tiene inoltre in considerazione l’aspetto preventivo, identificando i fattori di rischio presenti nella vita di tutti i giorni e proponendo strategie comportamentali atte a diminuire la frequenza di insorgenza e la ricorrenza delle infezioni urinarie (modifiche dello stile di vita, adeguata alimentazione e idratazione ed eventuale assunzione di sostanze non antibiotiche che favoriscano il mantenimento della fisiologia delle vie urinarie).

CREDITI ECM: 8

GRATUITO

Accreditato per le tutte le professioni

Il corso sarà attivo dal 20 aprile. Per iscriversi: clicca qui 

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per restare sempre aggiornato su tutte le news pubblicate. Basta inserire la propria mail (le mail, inclusa quella di conferma di iscrizione, potrebbero arrivare nella posta indesiderata o spam: contrassegnale come posta non indesiderata): clicca qui

Lascia un commento